Le origini dei Tarocchi

L’essere umano è sempre stato alla ricerca di qualcosa in cui credere, di sviluppare la propria fede o il proprio credo religioso, la cui formazione è stata generalmente data fin dall’infanzia nell’educazione familiare.

Per questo motivo è che su scala mondiale sono emerse diverse religioni, alla pari dei monoteisti, così come altri tipi di credenze contemporanee come la New Age che incarna varie forme di esoterismo che milioni di persone hanno adottato per se stesse come sinonimo di aiuto nel mistico e nello spirituale.

In quella stessa ondata sono emersi i tarocchi, una forma di carte che copre molte cose che hanno a che fare con il presente e il futuro di un individuo, per cui decine di centinaia di persone si dedicano alla lettura dei tarocchi per prevedere cosa accadrà nell’immediato a chi ne farà richiesta. E la cosa principale è che i tarocchi sono frequentati personalmente, senza derivati. Come per esempio Maria José.

Ma le sue origini risalgono all’antica civiltà egizia, dove i faraoni dell’epoca si recavano nei templi affinché i sacerdoti potessero prevedere il loro futuro e quello del loro regno, attraverso l’analisi dei complicati simboli astrologici che maneggiavano.

D’altra parte, alcuni storici attribuiscono lo sviluppo dei tarocchi agli zingari che vivono in Europa, che hanno fatto lunghi viaggi in tutto il continente per prevedere il futuro attraverso questa pratica.

Va notato che i Tarocchi sono stati una delle poche pratiche esoteriche sopravvissute alla Santa Inquisizione, in quanto hanno sminuito l’importanza dei popoli zingari che vivevano in molti Paesi europei in quei tempi difficili.

Anche se non si sa con esattezza chi ha inventato o creato le carte, si presume che sia stato in Francia ai tempi di Napoleone I, poiché sua moglie era una fedele seguace delle pratiche esoteriche.

In seguito la fama dei tarocchi si diffuse in Gran Bretagna, in Italia, poi in tutta Europa fino a raggiungere finalmente tutte le parti del mondo.

Anche l’origine delle carte del mazzo tradizionale è sconosciuta. Allo stesso modo, non è possibile affermare con esattezza se le 22 briscole o Arcani Maggiori e le note 56 carte dei cosiddetti Arcani Minori sono state create separatamente.

Allo stesso modo, non ci sono informazioni dettagliate se in seguito l’insieme degli Arcani Maggiore e Minore sono stati combinati in un unico mazzo, o se, contrariamente alla sua creazione, erano sotto forma di un mazzo di settantotto carte.

Per questo motivo, i tarocchi hanno avuto un importante boom nel corso degli anni, essendo oggi uno dei più riconosciuti a livello mondiale e anche il più utilizzato per prevedere gli eventi futuri.

Tali previsioni vanno dal futuro dei paesi, a personaggi di importanza globale (politici, artisti, presidenti), così come i fenomeni naturali che possono verificarsi sul pianeta.

In modo tale che questa millenaria pratica esoterica ha trasceso nel tempo con molti seguaci che hanno in questa specie o tipo di credenza un riferimento per sapere cosa può portare il futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *