Scopri come affrontare una riforma

Le riforme sono qualcosa che molti vogliono ma che allo stesso tempo temono a causa delle molte decisioni che dovranno essere prese, per non parlare del grande esborso di denaro.

Hai finalmente fatto il passo e stai andando a riformare la tua casa o una parte di essa, probabilmente hai le tipiche sensazioni di euforia mischiate a momenti di ansia per tutto ciò che sta per arrivare.

Questo è del tutto normale, si potrebbe dire che fare una riforma è un passo molto importante nella vita di tutte le persone poiché tutto deve essere perfetto e senza errori di alcun tipo, nessuno vuole dover vedere ogni giorno nella sua casa qualche difetto causato dal lavoro o dalla riforma.

 

Assumere un servizio di costruzione professionale

Uno dei fattori che più influenzano il successo dell’opera è quello di rivolgersi a un imprenditore di qualità, famoso per il suo lavoro. Non devi andare al meglio di tutta la provincia, basta tenere conto delle critiche che ha all’interno della tua città.

Prima di assumere definitivamente il candidato che avete scelto è importante che vi accordiate sui servizi che saranno inclusi nel budget, che si tratti di muratura, idraulica, elettricista, imbianchino e così via. L’importante è che tutto si rifletta nel contratto che verrà firmato di lavoro, in cui il budget deve essere chiuso.

Scegliere bene le porte

Probabilmente la scelta delle porte interne in legno è uno dei punti in cui le persone passano meno tempo nelle riforme. È normale che non si presti molta attenzione a questi elementi della casa, ma è un errore molto grave.

Ristrutturazione della casa

Le porte interne in legno devono essere scelte con grande cura e attenzione, molte persone hanno finito per scegliere quelle più economiche senza prestare attenzione alla loro qualità, finendo per avere porte in truciolare che sono state distrutte in pochi anni.

Per questo motivo è estremamente necessario utilizzare una parte del budget per acquistare porte interne in legno che abbiano una qualità accettabile, facendo attenzione al tipo di legno così come alle finiture dello stesso o al tipo di porta perché potremmo essere interessati all’acquisto di porte a blocco, che si caratterizzano per l’inserimento nello stesso set dell’anta già montata sul telaio, dello stipite e dei ferramenti posti.

La cosa più importante è che la decisione finale si adatti allo stile di design che realizzeremo a casa nostra e naturalmente al nostro budget.

Avete bisogno di permessi?

In generale, nelle piccole opere non è necessario chiedere l’autorizzazione al municipio per la loro esecuzione, ma a volte è necessaria una “dichiarazione responsabile”. In caso di dubbio, recarsi al municipio per informazioni.

Nel caso in cui si svolgano lavori su un immobile di proprietà di un’associazione di residenti, è necessario avere l’approvazione dell’associazione per iniziare i lavori, altrimenti si può ricevere un reclamo da un vicino di casa che non ne è soddisfatto.

Assicuratevi che l’IVA sia del 10%.

Verificate che l’IVA applicata alle vostre fatture sia del 10% e non del 21%, poiché paghereste un’imposta molto più alta senza doverla pagare.

Tuttavia, per poter applicare l’IVA al 10%, si prega di tenere conto che devono essere soddisfatte le seguenti condizioni:

  • Il lavoro sarà svolto per una persona o una comunità di vicini e non per una particolare azienda
  • Il lavoro da svolgere è in un’abitazione privata e non per locali commerciali o simili
  • La casa da riformare ha più di due anni dalla sua costruzione o sono passati due anni da quando sarà riformata.
  • Il responsabile del lavoro non deve portare il proprio materiale o, se porta il proprio materiale, questo non deve superare il 40% della base imponibile del budget concordato.

Con tutti questi consigli avete gli strumenti necessari per iniziare a pianificare la prossima riforma. Un’ultima nota è di fare molta attenzione al pagamento anticipato dei servizi che noleggiate, tenete presente che molti servizi richiederanno un pagamento anticipato, che è totalmente legale ma non dovrebbe mai superare il 30 o il 40% del budget totale, in questo modo eviterete possibili frodi o truffe indesiderate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *