Vacanze nelle Asturie, un esempio di turismo sostenibile

Anche se da anni ci lamentiamo della crisi, ci sono milioni di spagnoli che non riescono a rinunciare alle vacanze, almeno un paio di settimane all’anno sembrano più del necessario per staccare la spina e ricaricare le batterie. Per chi ancora non sa dove trascorrere le vacanze, per chi non vuole lasciare un fagotto in viaggio transoceanico, la raccomandazione per quest’anno è di non dimenticare le bellezze locali. Oltre alle città e alle spiagge, ci sono meraviglie anche negli ambienti rurali, dove la natura è protagonista del nostro riposo. Oggi parliamo delle Asturie, una terra piena di sorprese, dove ci si può rilassare nello stile del turismo sostenibile, una novità che ci riporta indietro nel tempo e sembra sempre piacere a più persone che la provano.

Chi non ha viaggiato da tempo con l’intenzione di assaporare la gastronomia locale, di godere della natura, di conoscere lo stile di vita della gente del posto, di contemplare il lavoro degli artigiani e degli artisti, di farsi ipnotizzare dai musicisti di strada e, insomma, dalla bellezza e dalla cultura che risuona negli angoli di ogni nuovo luogo?

Tre decenni dopo l’apertura del primo albergo rurale, le Asturie continuano ad essere all’avanguardia, situate tra le mete preferite di chi cerca un turismo alternativo che offra un soggiorno indimenticabile lontano dal caldo afoso e dalle folle dell’estate. A differenza delle grandi e affollate località turistiche che inondano le nostre coste, il modello maggioritario di questo paradiso nel nostro territorio, anche sulla costa, si basa su piccole strutture ricettive e alberghi accoglienti creati con molta cura.

Il modo più veloce per raggiungere le Asturie è ovviamente l’aereo. L’aeroporto delle Asturie si trova a Santiago del Monte, a poco più di mezz’ora di macchina da Oviedo. I principali collegamenti per Astrurias sono da Madrid Barajas, Barcellona El Prat, Palma di Maiorca, Valencia, Alicante, Malaga e Siviglia. Se venite dal Sud o dal centro della penisola, l’ideale è cercare un volo economico, lasciare l’auto all’aeroporto e dimenticare i vostri problemi per un paio di settimane.

L’orografia che dà vita al suo spettacolare paesaggio, ricco di valli, boschi, fiumi e laghi, così come la sua vicinanza al mare, fanno di questo territorio un luogo eccellente per godere di un’estate fresca e di un inverno mite e piacevole. Le sue notti fresche sono per lo più un altro dei luoghi preferiti dai viaggiatori che vengono qui per sfuggire al caldo opprimente dell’estate.

Il suo ambiente permette anche ogni tipo di attività, oltre a visitare le strade di alcune delle sue zone più affascinanti, siano esse Taramundi, Sotres, Pola de Somiedo o San Juan de Beleño, e tutta una serie di villaggi e città uniche e accoglienti.

 

La gente del posto con i suoi costumi, le sue tradizioni e i suoi paesaggi

Spesso, oltre alla sostenibilità, il turismo rurale sostiene anche attività che guidano lo sviluppo locale e si tiene lontano dalle folle che generano un forte e negativo impatto ambientale. Per lo stesso motivo, poche destinazioni possono vantarsi di conservare la loro magia come questo territorio a nord-ovest della penisola iberica.

Al di là dei suoi paesaggi e scenari, le Asturie offrono un turismo individuale, dove il soggiorno diventerà un’esperienza unica quando si esplorerà ciascuno dei suoi paradisi, sia culturali che naturali. Lontani da una tipica vacanza, i giorni di riposo diventano un’esperienza personalizzata adattata al particolare capriccio del visitatore.

Ci sono diciotto villaggi di pescatori in totale che si estendono lungo la costa asturiana a zig-zag, offrendo ai visitatori la possibilità di esplorare dalle strade, dai centri storici o dai ristoranti, alle scogliere, ai villaggi di pescatori o alle case di sidro con la loro cucina a base di pesce.

Un viaggio piacevole in tutta tranquillità

Indipendentemente dalle infinite e immense possibilità che questo ambiente offre di godere, non cessa di essere una delle mete ideali per i viaggi lenti, un termine che è emerso come un’idea contrapposta a quell’eterna lista di cose da fare con cui saturare i nostri giorni quando viaggiamo.

Lasciando da parte la guida turistica e la necessità di fare tutte le attività e di visitare tutti i luoghi della lista, le Asturie sono anche la meta ideale per chi cerca semplicemente di scoprire un luogo nuovo, la sua gente, le sue tradizioni e, soprattutto, i suoi costumi.

Circa duecento spiagge sono distribuite lungo tutta la costa asturiana, la cui geografia preferita ci regala passo dopo passo enormi sponde con vista sulle montagne, punti panoramici, promontori, promontori, villaggi sul mare, laghi, strade acciottolate, spiagge sabbiose o calette nascoste.

Il turismo responsabile per eccellenza

Ognuno di questi luoghi ha un fascino particolare, dove ogni viaggiatore può esplorare a suo piacimento e godere di una biodiversità accattivante. Coste come Gijón, Llanes o Ribadesella hanno portato il Principato a ricevere anche quest’anno sei bandiere di qualità, premiate dall’Istituto per la Qualità Turistica Spagnola.

Quest’anno, anche la costa asturiana ha contenuto le sue dodici bandiere blu, poiché si presume che il percorso di 345 chilometri intorno alla Costa Verde sia uno dei paesaggi più formidabili della geografia cantabrica.

Inoltre, le Asturie hanno un terzo del loro territorio protetto, un esempio ambientale ed ecologico che dà vita alle sette Riserve della Biosfera dichiarate dall’Unesco. Oltre a luoghi caratteristici come i Picos de Europa, il Parco Naturale delle Fuentes del Narcea, il Parco del Somiedo o il Parco Las Ubiñas-La Mesa, questo territorio dispone di circa settanta aree protette in cui esplorare la natura nella sua essenza più pura.

In conclusione, non si può mai perdere l’occasione di conoscere un luogo magico, remoto e tradizionale come le Asturie. Con un carattere country intriso di gastronomia e ospitalità locale, insieme ai suoi paesaggi, lagune, laghi, villaggi, strade e paesaggi montuosi, renderà questa visita un’esperienza emozionante, rilassante e allo stesso tempo indimenticabile per qualsiasi viaggiatore che voglia visitare questo piccolo Eden a nord-ovest della penisola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *