Come scegliere il cibo migliore per i cuccioli

Nell’articolo di oggi proveremo a rispondere alla domanda su cosa sia il miglior cibo per i cuccioli. Quando un cucciolo torna a casa, una delle domande più comuni che sorgono tra i proprietari è come nutrirlo. La cosa migliore da fare i primi giorni è continuare a dare al nostro cane la stessa marca di mangime che l’allevatore gli stava dando. Ma questo non significa che questo mangime sia il più appropriato per il nostro cucciolo.

Se decidiamo di cambiare marca di mangime, è necessario fare un passaggio graduale al nuovo mangime per prevenire disturbi digestivi, per questo si consiglia di mescolare il cibo per una settimana, aumentando gradualmente il nuovo cibo e riducendo il primo.

Suggerimenti per scegliere il miglior cibo per cuccioli

Innanzitutto va detto che un’alimentazione sana ed equilibrata è fondamentale in tutte le fasi della vita di un cane, ma ancor di più nella sua fase di cucciolo. Daremo una serie di principi di base che devono essere presi in considerazione quando si sceglie il meglio Penso per i cuccioli:

1- Scegli un mangime specifico per i cuccioli

Sembra un gioco da ragazzi, ma oggi ci sono ancora persone che danno cibo per cani adulti ai cuccioli. Questo deve essere evitato a tutti i costi. I cuccioli dovrebbero essere nutriti con un Penso specifico per i cuccioli poiché contengono tutti i nutrienti in proporzioni ottimali che aiutano il corretto sviluppo di muscoli, organi e denti. Ma ovviamente non tutti i mangimi per il semplice fatto di essere fatti per cuccioli saranno adatti al nostro cane.

2- Devi scegliere un feed “premium”

In generale, possiamo distinguere due tipi di mangimi sul mercato: “standard” o di qualità di base e “premium” o di alta qualità.

I mangimi “standard” sono quelli venduti principalmente nei supermercati (Mercadona, Alcampo, Carrefour, ecc.). Questi mangimi hanno il vantaggio di essere molto più economici del “premium” ma non sono particolarmente adatti esigenze dei nostri cuccioli. Questi alimenti per cuccioli sono più economici del “premium” principalmente a causa della minore qualità degli ingredienti che lo compongono. Questi alimenti per cuccioli di solito contengono mais come primo ingrediente e gli ingredienti di origine animale sono sottoprodotti della carne. E quali sono i sottoprodotti della carne? Ebbene, i sottoprodotti della carne non sono altro che parti animali che sono state scartate per il consumo umano. In altre parole, i marchi di bassa qualità utilizzano parti di animali come becchi, piedi o piume come fonte di proteine ​​per produrre cibo per cuccioli. (Se desideri maggiori informazioni sui sottoprodotti di origine animale non destinati al consumo umano (SANDACH), ti consigliamo di visitare questo pagina del Ministero dell’agricoltura, dell’alimentazione e dell’ambiente.Le proteine ​​di bassa qualità sono meno digeribili, il che significa che gran parte dei nutrienti passa attraverso il tuo sistema e non viene assorbita.

Inoltre, quello che è a priori il grande vantaggio del cibo per cuccioli dal supermercato rispetto al mangime premium: il prezzo non è proprio un tale vantaggio poiché con questi mangimi bisogna dare al cucciolo più quantità che con uno premium, quindi il sacchetto di mangime dura meno. Inoltre, nel lungo periodo le spese per i veterinari aumenteranno poiché le carenze nutrizionali derivanti dall’alimentazione del nostro cucciolo con mangimi di bassa qualità creeranno un sistema immunitario fragile e aumenteranno il rischio che si ammali più facilmente.

In sintesi, non dovremmo nutrire il nostro cucciolo con questi mangimi per i seguenti motivi:

  1. Maggiore rischio che il cucciolo si ammali a causa della scarsa qualità degli ingredienti (sottoprodotti di origine animale come farina di piume, zampe, becco).
  2. I risparmi sono solo apparenti (devi dare più cibo al cane ed eventualmente fare più visite dal veterinario).

La differenza di qualità è immediatamente evidente nelle feci dell’animale, soprattutto per i cuccioli che tendono ad avere la diarrea, questo è molto raro con un mangime di alta qualità.

Da parte sua, i mangimi premium sono quelli in vendita nei negozi di animali specializzati e nei veterinari. I suoi vantaggi rispetto al cibo per cuccioli “standard” sono i seguenti:

uno- Il mangime Premium utilizza ingredienti di alta qualità e fornisce tutte le proteine ​​e i nutrienti necessari per il corretto sviluppo del nostro cucciolo (calcio, fosforo, minerali, fibre, ecc.). La sua composizione è sviluppata da specialisti in nutrizione canina, contengono tutti i nutrienti in proporzioni ottimali, quindi non è necessario aggiungere alcun integratore alimentare.

2- Il cibo è più digeribile e la quantità di mangime da somministrare al cucciolo è inferiore rispetto ad altri mangimi. Ciò significa che le feci sono meno frequenti e le loro dimensioni sono più piccole e il loro odore non è così forte.

Le feci dei cuccioli sono un buon modo per vedere immediatamente il differenza nella qualità del mangime. Il cibo di base per cuccioli può causare diarrea nel cucciolo, cosa molto rara negli alimenti di qualità.

5 regole per acquistare il miglior cibo per cuccioli

Nel mercato c’è un file ampia varietà di produttori e marche di alimenti per cuccioli e molte volte non è facile sapere se quella marca è un buon feed oppure no. Tieni presente che il marchio più costoso o famoso non è sempre il feed di migliore qualità. Ora che sappiamo che al nostro cucciolo deve essere dato uno specifico alimento per cuccioli di gamma premium, ti forniremo 5 regole per scegliere il miglior cibo per cuccioli.

1a regola: più proteine

Le proteine ​​sono essenziali per la crescita e lo sviluppo del nostro cucciolo così come per il sistema immunitario. Sfortunatamente, ci sono molti produttori di mangimi che rendono i loro prodotti a basso contenuto di proteine ​​e ad alto contenuto di carboidrati. I cani possono vivere molto bene senza l’assunzione di carboidrati purché siano forniti abbastanza proteine ​​e lipidi. La percentuale di proteine ​​richiesta può variare a seconda della razza e dell’attività fisica del cucciolo, ma in genere si consiglia di scegliere un mangime con una percentuale di proteine ​​di circa il 30%. Vi lasciamo alcuni esempi:

Ma la percentuale di proteine ​​da sola non ci vale perché non tutte le proteine ​​sono uguali. Il fatto che un mangime contenga più proteine ​​di un altro non significa sempre che sia migliore. Questo ci porta alle seguenti regole.

2a regola: proteine ​​di origine animale

Le proteine ​​di origine animale sono la migliore fonte di aminoacidi per i nostri cuccioli. I cani possono anche consumare proteine ​​di origine vegetale, ma bisogna tenere conto che i cani discendono dai lupi e sebbene la loro dieta si sia adattata all’uomo, sono comunque carnivori. Pertanto, nella scelta del marchio, è necessario leggere con calma l’etichetta e distinguere tra proteine ​​di origine animale e quelle di origine vegetale, per poter scegliere quella che fornisce più proteine ​​di origine animale.

Molti produttori utilizzano proteine ​​vegetali (principalmente mais e grano) nella preparazione dei loro mangimi per aumentare la percentuale di proteine ​​totali.

3a regola: proteine ​​animali di alta qualità

Non tutte le proteine ​​animali sono le stesse. La qualità delle proteine ​​è fondamentale nella scelta del marchio. Quindi un marchio con una percentuale inferiore di proteine ​​animali potrebbe essere migliore di un altro che ha una percentuale più alta. In altre parole, qualità migliore della quantità. Gli ingredienti che contengono proteine ​​di qualità di origine animale sono ad esempio:

  • Pollo
  • agnello
  • Salmone
  • tonno
  • Bue

I sottoprodotti di origine animale come becchi, piume, zampe, ecc. Devono essere evitati. Questi potrebbero fornire una quantità elevata di proteine, ma ovviamente sarebbe una proteina di valore e qualità molto bassi.

4a regola: il miglior cibo per cuccioli deve indicare chiaramente le specie utilizzate negli ingredienti principali

L’etichetta del sacchetto deve indicare senza dubbio le specie (sia di origine animale che vegetale) utilizzate come ingredienti principali. Dobbiamo controllare che invece di un generico “pollame” o “pesce” ci indichi la specie in questione, ad esempio “pollo” o “tonno”. I produttori non sono tenuti per legge a specificare la specie, ma in questi casi si corre il rischio che la materia prima utilizzata sia di bassa qualità. Devi stare molto attento quando le specie utilizzate come ingredienti principali sono sconosciute.

5a regola: i cereali

Il tema dei cereali nell’alimentazione canina è oggetto di grandi controversie. Non tutti gli esperti concordano sul fatto che i cereali debbano far parte della dieta del cane. Molti produttori abusano dell’uso di cereali (principalmente mais e grano) nella produzione dei loro mangimi, poiché sono una materia prima economica.

Tuttavia, va detto che non tutti i cereali sono uguali. Tra i cereali di qualità va ricordato il riso, che è uno dei cereali più utilizzati negli alimenti “premium” e nelle diete speciali per cani che soffrono di allergie. È importante che l’etichetta indichi che si tratta di riso e non derivato dal riso, nonché che non compaia come primo ingrediente. Il primo ingrediente deve essere di origine animale, sia esso pollo, agnello, salmone, ecc.

Per seguire queste regole e poter così acquistare il miglior cibo per cuccioli, è necessario leggere attentamente le etichette sui sacchetti. Tuttavia, questo non è così facile come potrebbe sembrare a priori, poiché molti produttori utilizzano determinate strategie sulle etichette per fuorviare o confondere il cliente.

Consiglio finale: interpretare correttamente le etichette degli alimenti per cuccioli

Tutto ciò che abbiamo detto finora in questo post non ci aiuterà molto se non lo sappiamo interpretare correttamente le etichette dei sacchi.

La prima cosa da tenere a mente quando si interpreta l’etichetta di un mangime è che, secondo la normativa vigente, i marchi sono obbligati a mettere in etichetta gli ingredienti di peso maggiore o minore (prima della lavorazione). Quindi in teoria se il primo ingrediente che compare in etichetta è il mais, significa che l’ingrediente più utilizzato è il mais. Ma non possiamo cadere nella trappola di pensare di avere a che fare con un buon mangime per il semplice fatto di leggere che il primo ingrediente è pollo, agnello o salmone. Ciò che fanno alcuni marchi è dividere l’ingrediente principale (solitamente il mais) in diversi prodotti. E perché lo fanno? Ebbene, semplicemente perché crediamo che l’ingrediente principale sia la carne e non i cereali. Ad esempio, ci sono alcuni marchi che dividono il mais in mais e farina di mais, con questa divisione si ottiene che il mais non appare come il primo ingrediente ma l’ingrediente di origine della carne.

Marche di mangimi

Infine, ti lasciamo un elenco di alcune marche di feed che rispettano le regole e i consigli che abbiamo dato in questo post.

Acana

Eukanuba

Hill’s

lupo blu

Nutro

Orijen

Royal canin

Taste of the Wild

In sintesi di questo post sul miglior mangime per cuccioli, possiamo dire che non esistono mangimi buoni ed economici, ma anche che la differenza economica tra un mangime economico da supermercato e un mangime premium a lungo termine non è così tanto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *