Come scegliere la migliore tavola per lo skateboard

Lo sport urbano per eccellenza ha un’alta dose di pazienza e resistenza, ma richiede anche la migliore attrezzatura ai tuoi piedi.

Ti piacerebbe rotolare per le strade, sentire la brezza sul tuo viso sulla tua tavola mentre ti muovi a tutta velocità attraverso quella rete di asfalto che plasma la città in cui vivi. Questa, insieme al coraggio e al rischio di provare nuovi trucchi, è la motivazione principale di quegli amanti dello sport che vogliono provare qualcosa di nuovo, qualcosa di rischioso come lo skateboard.

A prima vista può sembrare semplice, alla fine della giornata è salire su una tavola e farlo muovere; ma dietro questo sport urbano c’è un’arte che va dalla testa ai piedi di chi lo esegue, e soprattutto in quest’ultimo punto. Avere una buona forma fisica, padroneggiare la coordinazione e l’equilibrio sono importanti (oltre a non aver paura di cadere), anche se è più importante avere un buon skateboard secondo la tua fisionomia e le tue capacità.

Scegliere la migliore tavola per lo skateboard è il punto più importante prima di iniziare a praticare questo sport. Molti che vi si immergono da tempo non sono consapevoli di alcuni dei fattori di peso che ne influenzano l’acquisizione, cosa che li porta a non poter sfruttare al meglio le proprie capacità e addirittura a frustrarsi non ottenendo buoni risultati. E cosa bisogna tenere in considerazione quando si acquista uno di questi? Bene, ci sono 4 punti vitali e li dettagliamo di seguito.

Marca

Non lasciarti ingannare da un marchio che porta questo o quel famoso pattinatore. I nomi a volte nascondono una qualità che non è all’altezza, e bisogna tenere presente che non è tutto. Inoltre, per i principianti ci sono sempre più gamme di accordi e case specializzati nell’offrire tutto ciò di cui hanno bisogno. Non pensare a cosa indossava Tony Hawk quando ha realizzato il suo primo “900”, pensa piuttosto a cosa poteva scegliere quando ha iniziato a girare, lì avrai la risposta corretta quando scegli.

Taglia

La cosa più importante quando si acquista uno skateboard e senza esagerare. UN pattinare Si muove tra una larghezza che va dai 19 ai 21 centimetri, e questi influenzano il tipo di acrobazie da eseguire. Se la tua idea è di far scorrere ringhiere, sbarre o gradini, concentrati su quelli più larghi di 20 centimetri; Se preferisci fare acrobazie a terra, quelle strette sono i tuoi migliori alleati.

Naturalmente, la tua altezza e la misura del tuo piede influenzano tutto questo. Le piroette da eseguire sono un fattore importante, ma la dimensione dell’utente è più importante. Una persona più bassa può avere grandi complicazioni quando maneggia uno skateboard largo e una persona più alta può esercitare troppa forza su uno stretto. Per quanto riguarda la misura dei piedi, è molto importante avere riferimenti per quanto riguarda la misura delle calzature. Se il tuo numero è compreso tra 36 e 39, la migliore è una tavola tra 19 e 19,7 centimetri (7,5 “-7,75”); se sei nella media e indossi tra 40 e 43, scommetti su 19,7 e 20,3 centimetri (7,75 ”-8”); Se il tuo piede è più grande, da 20, 3 centimetri è la tua tavola ideale.

materiali

Di cosa è fatto questo tavolo? Chieditelo prima di acquistarlo perché, insieme alla taglia, è l’altra chiave per una buona scelta. Il migliore e più comune è il legno, che offre la migliore risposta in termini di resistenza e durata. Come curiosità, sebbene esistano molti tipi di legno (banani, querce, aceri …) uno dei più famosi per la sua particolarità è il bambù, qui utilizzato anche.

Un’altra possibilità è passare ai pattini in plastica, alluminio o fibra di vetro. La sua durata è molto alta, ma la sua risposta generale è inferiore al legno per altri versi. Potrebbero non essere adatti a te, anche se puoi sempre sperimentare.

Prezzi

Quando hai già valutato tutti gli aspetti precedenti e devi andare alla cassa, è il momento di fare l’ultima valutazione. Negli skate shop si possono trovare margini di prezzo molto ampi, ma generalmente ci sono 3 fasce ben differenziate:

  • Tavoli semplici. Fatto, la maggior parte, negli Stati Uniti. Perfetto per i neofiti che vogliono iniziare. Il suo prezzo oscilla tra i 30 ei 40 euro.
  • Tabelle locali. Sono prodotti nel nostro paese e il loro prezzo è solitamente inferiore a quello dei grandi marchi per via del risparmio in questioni di trasporto, pur avendo una qualità quasi identica a queste. Di solito costano tra i 40 ei 60 euro.
  • Tavoli professionali. È qui che entrano in gioco i marchi più famosi (Element, Zero…). Sono quelli utilizzati da concorrenti elevati e il loro prezzo minimo è di circa 70 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *