In Spagna viene sviluppato un nuovo dispositivo per disinfettare l’aria e le superfici

In Catalogna, in Spagna, è stato sviluppato un nuovo strumento nella lotta contro la pandemia virale del nuovo coronavirus. Riguarda Wellisair, un dispositivo che funziona come disinfettante per aria e superfici, purificando completamente l’aria nelle stanze e negli spazi pubblici in modo semplice e automatizzato.

Il creatore di questo strumento è Dottor Pere Monagas, che da 18 anni lavora ad un dispositivo in grado di eliminare il 99% di funghi, virus e batteri sospesi nell’aria. A seguito della pandemia, il progetto è stato completato ed è ora distribuito in Cina, epicentro della pandemia, così come in altri paesi asiatici come Thailandia e Corea del Sud.

Consiste in un dispositivo che rilascia quantità standardizzate di d-limonene o H2O2, che produce un avanzato processo di ossidazione dei microrganismi sospesi nell’aria, provocandone la inattivazione in pochi secondi. In questo modo è possibile tagliare il ciclo di trasmissione di molte malattie virali.

È stato progettato per interni con spazi ridotti

Il suo creatore afferma che, nel suo progetto originale, si pensava a Wellisair purificare e disinfettare gli spazi chiusi come stanze e luoghi confinati. Tuttavia, è stato possibile determinarne l’efficienza in spazi aperti come supermercati, aeroporti, centri commerciali e parchi. Naturalmente, in queste condizioni è necessario che più dispositivi funzionino contemporaneamente.

La società responsabile della produzione e distribuzione del dispositivo è Airtècnics, società di ventilazione e barriere d’ariae ha sede in Spagna. Grazie ai diversi studi e test a cui è stata sottoposta l’invenzione ha ricevuto il corrispondente brevetto e approvazione da un gran numero di organizzazioni internazionali e attualmente il suo processo di distribuzione è in pieno svolgimento.

Indubbiamente, questa è una buona notizia sia per la Spagna che per il resto dei paesi del mondo, poiché è un sistema efficiente e sicuro, che ha certificati e test che ne garantiscono la sicurezza sull’organismo umano e anche sugli animali domestici, agendo direttamente su virus e batteri che causano malattie.

La domanda globale cresce

184 unità del dispositivo sono state inviate all’ospedale più contaminato della Cina, nella città di Wuhan, contribuendo a controllare la contingenza e ridurre la diffusione del nuovo coronavirus. Tuttavia, questa è solo la punta dell’iceberg, poiché paesi come Stati Uniti, Vietnam, Corea del Sud e alcuni in Sud America hanno richiesto dispositivi all’azienda produttrice.

Indubbiamente, questo diventa uno degli strumenti più potenti per aumentare il recinto epidemiologico e ridurre il tasso di contagio di una delle pandemie più importanti che l’umanità abbia subito nella sua storia. Essendo un dispositivo sicuro e semplice da installare, è molto probabile che la sua popolarità decollerà completamente.

Il mondo apprezza il lavoro del medico spagnolo Pere Monagas e del suo team, che cercano di proteggere la salute delle persone in tutto il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *