Titon mette in guardia sui profitti in condizioni di trading “difficili”

Titon Holdings, un produttore e fornitore quotato AIM di sistemi di ventilazione e ferramenta per porte e finestre, ha messo in guardia martedì sui profitti a causa delle condizioni commerciali “impegnative” in corso.

In una dichiarazione che sarà resa alla riunione annuale della società, il presidente esecutivo Keith Ritchie ha affermato che le incertezze politiche ed economiche osservate nell’anno finanziario 2020 sono continuate e le condizioni di trading nelle sue aree geografiche nei primi quattro mesi dell’anno sono state più difficili del previsto.

Di conseguenza, Titon ora prevede che l’utile ante imposte sottostante per l’anno che termina il 30 settembre 2020 sarà “materialmente” al di sotto delle aspettative del management.

Richie ha affermato che le vendite nel settore dei sistemi di ventilazione nel Regno Unito sono leggermente aumentate rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, ma le vendite di prodotti di ferramenta per porte e finestre sono state inferiori alle aspettative poiché l’economia del Regno Unito ha subito un trimestre finale “molto debole” nel 2019 e la concorrenza si è intensificata .

“Nonostante la ridotta incertezza politica, non abbiamo ancora assistito a un aumento degli scambi nel 2020 dopo le elezioni generali del 2019 e il 31 gennaio 2020 il Regno Unito ha lasciato l’UE”, ha affermato.

Ritchie ha detto che i livelli di attività nel mercato coreano delle nuove costruzioni hanno continuato a diminuire poiché il governo è intervenuto per rallentare la crescita dei prezzi delle abitazioni limitando i prestiti. Di conseguenza, le vendite per l’intero anno di Titon Korea dovrebbero essere inferiori di circa il 10% rispetto alle previsioni al momento dei risultati preliminari di dicembre.

Le vendite di sistemi di ventilazione in Europa sono state significativamente più deboli del previsto poiché l’anno scorso i clienti hanno rifornito troppo le scorte a causa delle date originali della Brexit e del rinvio di diversi progetti in Germania. Anche il business dell’hardware negli Stati Uniti viene scambiato al di sotto dei livelli previsti, ha affermato Titon.

“Siamo chiaramente delusi dal fatto che l’attuale negoziazione abbia continuato a essere impegnativa per i primi quattro mesi dell’anno finanziario, ma abbiamo adottato misure per gestire la nostra base di costi riducendo la nostra forza lavoro e continuando a sostenere tutti i costi del business per il resto dell’anno. La nostra posizione finanziaria rimane solida, con saldi di cassa netti alla fine di gennaio 2020 pari a 4,03 milioni di sterline “, ha affermato Ritchie.

Alle 1000 GMT, le azioni erano scese del 15% a 93,45 pence.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.