Raccolta di giornali del venerdì: Thomas Cook, LSE, Airbus

Il futuro di Thomas Cook è in bilico mentre la compagnia di viaggi cerca di raccogliere altri 200 milioni di sterline per assicurarsi un accordo di salvataggio di emergenza. La più antica azienda britannica di pacchetti vacanza deve assicurarsi i fondi prima di un incontro cruciale venerdì prossimo, dopo una richiesta dell’ultimo minuto da parte dei suoi istituti di credito, che includono circa 10 banche guidate da RBS, Barclays e Lloyds. – Guardiano

Secondo le nuove misurazioni delle prestazioni, più di un terzo dei servizi ferroviari britannici non è riuscito a raggiungere le stazioni in tempo nell’ultimo anno. Secondo gli standard più severi, i treni sono considerati puntuali se arrivano entro un minuto dall’orario, anziché il limite precedente di un massimo di 10 minuti. Con il cambio di regime, solo il 64,7% dei servizi era puntuale nei 12 mesi fino alla fine di giugno, una cifra definita “inaccettabile” dall’organismo di vigilanza sui passeggeri ferroviari Transport Focus. – Guardiano

Il capo della Borsa di Londra ha difeso con fermezza la sua acquisizione da 22 miliardi di sterline del business dei dati Refinitiv nei suoi primi commenti pubblici da quando la borsa di Hong Kong ha lanciato un’audace offerta per la sua azienda. David Schwimmer ha detto che l’accordo Refinitiv, che è stato annunciato solo il mese scorso, è stata una transazione LSE sentiva “molto bene” perché era “una misura molto forte strategicamente”. – Telegraph

Le aziende alle quali è stato detto dal governo di prepararsi per una Brexit senza accordo sono minate da “grandi lacune” nelle linee guida ufficiali sulla partenza programmata del Regno Unito dall’Unione Europea in sei settimane, ha avvertito un importante gruppo di datori di lavoro. Le Camere di Commercio britanniche hanno affermato che c’erano “informazioni incomplete o insufficienti per pianificare accuratamente un no-deal” in 31 delle 36 aree “business-critical”, minando le affermazioni del governo secondo cui le aziende hanno ciò di cui hanno bisogno per prepararsi. – I tempi

Airbus è indagato in Germania per possibile spionaggio da parte di diversi dipendenti, accusati di aver ottenuto documenti confidenziali dell’esercito su progetti di approvvigionamento. L’ufficio del procuratore dello stato di Monaco ha detto che stava indagando su 17 dipendenti Airbus e su un numero non quantificato di funzionari del governo tedesco. – I tempi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.