Riepilogo del giornale del venerdì: Johnson & Johnson, lavoratori domestici, popolazione di Londra

Johnson & Johnson ha chiesto ai regolatori statunitensi di approvare il primo vaccino Covid-19 monodose al mondo, un’opzione più facile da usare che potrebbe aumentare le scarse forniture. La domanda del produttore di farmaci alla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti segue il suo rapporto del 29 gennaio in cui ha affermato che il vaccino aveva un tasso del 66% di prevenzione delle infezioni nel suo ampio studio globale. – Guardiano

I dipendenti che lavorano da casa trascorrono più tempo alla scrivania e devono affrontare un carico di lavoro maggiore rispetto a prima della pandemia di Covid, hanno suggerito due serie di ricerche. Il tempo medio di accesso al computer di un dipendente che lavora da casa nel Regno Unito, Austria, Canada e Stati Uniti è aumentato di oltre due ore al giorno dalla crisi del coronavirus, secondo i dati della società di supporto alle imprese NordVPN Teams. . – Guardiano

I direttori potrebbero essere colpiti da divieti o pesanti multe per errori nei conti delle loro società in base alle proposte del governo per scuotere l’industria di revisione del Regno Unito. Le proposte per rendere gli amministratori personalmente responsabili dell’accuratezza del bilancio dovrebbero essere incluse in una consultazione del governo che sarà pubblicata nelle prossime settimane. Segue tre revisioni indipendenti e crescenti richieste di revisione dopo una serie di scandali finanziari per artisti del calibro di Patisserie Valerie e Carillion. – Telegraph

Anche quando le ultime restrizioni Covid verranno revocate da Londra, potrebbe esserci un po ‘meno di trambusto per le sue strade e di spinte a gomitate nei suoi abbeveratoi. Una stima sorprendente che ha attirato l’attenzione degli economisti ha avvertito che la popolazione della capitale potrebbe essere precipitata di 700.000 durante la pandemia. Ciò equivarrebbe a un calo dell’8% e sarebbe il primo crollo della popolazione di Londra in più di 30 anni. – Telegraph

Un centro commerciale a Coventry che otto anni fa era del valore di 37 milioni di sterline è stato venduto questa settimana per soli 4,9 milioni di sterline, facendo suonare il campanello d’allarme tra i finanziatori, i proprietari e le autorità locali a livello nazionale. L’importanza di West Orchards come principale destinazione per lo shopping della città non può essere sottovalutata: “Sono quasi le nostre Galeries Lafayette”, ha detto Trish Willetts, direttore del quartiere del miglioramento degli affari di Coventry, confrontandolo con il punto di riferimento dei grandi magazzini di Parigi – ma ora l’interesse per il centro è diffondendosi ben oltre le West Midlands e quella che, dal 1 ° maggio, sarà la “Città della Cultura” del Regno Unito. – I tempi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.