NextEnergy Renewables punta a cercare 300 milioni di sterline tramite l’IPO di Londra

NextEnergy Renewables sta cercando di raccogliere 300 milioni di sterline tramite una quotazione sul mercato principale della Borsa di Londra.

La visione dell’azienda è quella di aumentare la fornitura globale di energie rinnovabili attraverso le tecnologie esistenti, investendo nel contempo nell’infrastruttura chiave per la trasformazione energetica del futuro, tra cui l’energia a idrogeno e lo stoccaggio delle batterie.

Il management mirava a ottenere rendimenti annuali totali del 9-11%, compresi i dividendi e l’apprezzamento del capitale mirati.

“Un investimento in NREN consentirà agli investitori di ottenere un’esposizione a un portafoglio diversificato di progetti di energia rinnovabile ed entusiasmanti infrastrutture per la transizione energetica investendo in e parallelamente (tramite co-investimento) piattaforme di investimento privato gestite da alcuni dei principali investimenti mondiali nel settore delle energie rinnovabili manager “, ha detto NextEnergy Renewables.

Le opportunità di investimento sarebbero state ottenute tramite NextEnergy Capital Group e altre piattaforme di gestori ad alte prestazioni, coinvestimenti e acquisizioni dirette.

Tra gli altri punti salienti, NextEnergy ha affermato che potrebbe offrire agli investitori l’accesso a energie rinnovabili “esclusive” e opportunità di transizione energetica con flussi di entrate contrattuali a lungo termine e potenziale di rialzo.

Quest’ultima deriverebbe da un mix di ottimizzazione del portafoglio, compressione dei rendimenti e innovazioni tecnologiche.

La società sarebbe gestita da NextEnergy Capital IM Limited, un gestore degli investimenti specializzato a livello mondiale nel settore delle energie rinnovabili, che ha un “track record consolidato”, ha affermato la società.

NextEnergy puntava a un dividendo per azione di 5,5 pence per il suo primo esercizio finanziario completo che si sarebbe concluso il 31 dicembre 2022 e prevedeva che sarebbe cresciuto progressivamente in seguito.

Per l’anno dall’ammissione alla negoziazione alla fine del 2021, il payout target per azione è stato di 3,0 pence.

Un prospetto per la quotazione dovrebbe essere pubblicato a febbraio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *